Il ruolo dell’alimentazione nella psoriasi

Prestare attenzione ai fattori di rischio ambientali, ovvero fattori modificabili, rappresenta un importante obiettivo nella gestione della psoriasi. L’alimentazione rientra tra questi fattori1.
L’obesità rappresenta una condizione patologica frequentemente associata alla psoriasi2 e la relazione tra le due probabilmente è bidirezionale: l’obesità predispone alla psoriasi e la psoriasi favorisce l’obesità3. L’infiammazione potrebbe essere un fattore comune tra le due condizioni patologiche4. Diventa quindi prioritario lo scopo di ridurre il peso corporeo, quando eccessivo, e di mantenere un sano regime alimentare che, anche in assenza di sovrappeso, possa ridurre l’infiammazione corporea.
Un’alimentazione adeguata, nel caso della psoriasi, deve mirare a riequilibrare la risposta immunitaria e quella infiammatoria.

Quale dieta è consigliata per la psoriasi?

Diversi studi evidenziano gli effetti positivi sulla sintomatologia psoriasica di:

Una tradizionale dieta mediterranea, con abbondanza di vegetali, adeguate porzioni di cereali integrali, legumi, frutta oleaginosa (comunemente detta frutta secca) e moderato consumo di carne, pesce e uova, sembra essere una buona soluzione a lungo termine per garantire l’aderenza del paziente psoriasico ad un regime alimentare adeguato1. L’apporto di grassi di origine animale deve essere limitato. Anche l’utilizzo di olio extra vergine di oliva, di erbe aromatiche e spezie apporta effetti benèfici.
Recenti studi mostrano che il mantenimento di una dieta di questo tipo è correlato a una minore gravità della malattia. La dieta mediterranea, dunque, rappresenta un regime alimentare ideale per chi soffre di psoriasi1.

Che cosa mangiare

Si ritiene che alcune vitamine (A, C ed E) e oligoelementi (ferro, rame, manganese, magnesio, zinco e selenio) abbiano capacità antiossidanti, così come anche le fibre alimentari, un limitato apporto di zuccheri e grassi (da preferire quelli insaturi: si ritiene infatti che un alto contenuto di grassi polinsaturi contribuisca a ridurre la prevalenza di patologie infiammatorie, come la psoriasi8). Le proprietà antiossidanti sono importanti per contrastare l’infiammazione sistemica. Gli alimenti da preferire dunque sono:

Importante poi assumere prebiotici, probiotici e alimenti fermentati (verdure fermentate, the kombucha, kefir) per dare il giusto nutrimento alla flora batterica intestinale, strettamente connessa con il buon funzionamento del sistema immunitario.
Il mantenimento di una dieta sana ha dimostrato di ridurre il rischio a lungo termine di infiammazione7. Al contrario, diete ricche di grassi, di cibi raffinati, di carboidrati semplici e ad alto contenuto calorico, il consumo eccessivo di alcol, di carne rossa e prodotti caseari sono correlati a risposte infiammatorie dell’organismo, motivo per cui sarebbe opportuno evitare questi alimenti scatenanti. È invece ancora dubbio l’effetto della caffeina.
Tra i cibi di origine vegetale da evitare, secondo alcuni studiosi, ci sarebbero quelli ad alto contenuto di istamina o istamina-liberatori come ad esempio spinaci, fragole e lamponi, arachidi, banane e kiwi. Da ridurre anche le solanacee (pomodori, peperoni, melanzane, patate, pepe) perché infiammatorie.
L’utilizzo di eventuali preparati fitoterapici o di integratori (ad esempio di vitamina D) dovrebbe essere monitorato dal medico curante.

  1. L. Barrea, F. Nappi, C. Di Somma, M.C. Savanelli, A. Falco, A. Balato, N. Balato, S. Savastano, Environmental Risk Factors in Psoriasis: The Point of View of the Nutritionist, Int. J. Environ. Res. Public Health 2016, 13, 743.
  2. MFSP Oliveira, BO Rocha, GV Duarte, Psoriasis: Classical and emerging comorbidities, An. Bras. Dermatol. 2015;90(1):09-20.
  3. Carrascosa, J.M.; Rocamora, V.; Fernandez-Torres, R.M.; Jimenez-Puya, R.; Moreno, J.C.; Coll-Puigserver, N.; Fonseca, E., Obesity and psoriasis: Inammatory nature of obesity, relationship between psoriasis and obesity, and therapeutic implications, Actas Dermosifiliogr. 2014, 105, 31–44.
  4. P. Fleming..; J. Kraft.; W.P. Gulliver; C. Lynde, The relationship of obesity with the severity of psoriasis:A systematic review, J. Cutan. Med. Surg. 2015, 19, 450–456.
  5. Upala, S.; Sanguankeo, A., Effect of lifestyle weight loss intervention on disease severity in patients with psoriasis: A systematic review and meta-analysis, Int. J. Obes. (Lond.) 2015, 39, 1197–1202.
  6. Bhatia, B.K.; Millsop,J.W.; Debbaneh, M.; Koo, J.; Linos, E.; Liao,W. Diet and psoriasis, part II: Celiac disease and role of a gluten-free diet, J. Am. Acad. Dermatol. 2014, 71, 350–358.
  7. Barbaresko, J.; Koch, M.; Schulze, M.B.; Nöthlings, U. Dietary pattern analysis and biomarkers of low-grade inflammation: A systematic literature review, Nutr. Rev. 2013, 71, 511–527.
  8. M. Diallo, Psoriasis Epidemiology, J. Clinic Case Reports, vol. 2, 2012.


Cerca il CENTRO PSORIASI
più vicino a te

Alcune risposte le puoi avere anche subito al 800.949.209*

Il nostro numero verde è a disposizione del pubblico per aiutare a trovare il Centro Psoriasi più vicino a te e scoprire le informazioni pratiche necessarie per la tua visita (prenotazione, dove recarti, orari e documenti).

* Servizio attivo dal lunedì a venerdì,
dalle 9.00 alle 17.00 (escluso festivi).