Psoriasi eritrodermica

Aspetti clinici

La psoriasi eritrodermica, o eritrodermia (arrossamento diffuso in tutto il corpo) psoriasica1, è una forma molto rara, ma estremamente severa. Si tratta di una sorta di scompenso delle funzioni della cute, che diviene arrossata, tendente al violaceo, poco desquamante, lucida. L’eritema e l’edema sono diffusi in più del 90% della superficie corporea. Possono essere presenti fissurazioni della pelle e anomalie alle unghie, che possono sviluppare un’onicolisi (un distaccamento) quasi totale.
Sono spesso associati sintomi quali:

Talvolta sono presenti anche perdita di peso, disidratazione e oliguria (diminuita escrezione urinaria).
La psoriasi eritrodermica non va confusa con la psoriasi suberitrodermica: una psoriasi diffusa su tutto il corpo, ma senza compromissione delle condizioni generali del paziente.

Possibili complicanze

Se l’eritrodermia si protrae per qualche giorno, possono subentrare un abbassamento dei valori dell’albumina, del ferro e del sodio, con conseguente rischio di scompensi cardiocircolatori e ripercussioni sulla termoregolazione2.
Alla luce del quadro severo della psoriasi eritrodermica, sono da temere possibili infezioni sistemiche da strafilococco, che possono causare shock settici, così come complicanze legate all’insorgere di un’eventuale polmonite. La pelle, infatti, e l’intero organismo, non sono più in grado di controllare la temperatura corporea e di proteggere l’individuo dalle infezioni.
Talvolta possono associarsi anche le manifestazioni cutanee della psoriasi pustolosa e in questi casi la prognosi è più severa.

Le cause

La psoriasi eritrodermica può essere scatenata da farmaci, dalla sospensione improvvisa di terapie steroidee, da infezioni acute o stress emozionali molto intensi2.
A volte può rappresentare l’evoluzione di una psoriasi pustolosa generalizzata o di una psoriasi prolungata ed esacerbata, non adeguatamente trattata. Ma può anche esordire in questo modo fin dall’inizio.

Il trattamento

Per la severità dei sintomi e dello stato di compromissione dell’intero organismo, la psoriasi eritrodermica richiede nella maggioranza dei casi un ricovero ospedaliero, che possa anche tenere sotto controllo eventuali complicanze.
Sconsigliata la fototerapia, che non farebbe altro che sollecitare ulteriormente la cute, già molto compromessa e sensibile. Spesso viene prescritta una combinazione di farmaci sistemici e topici, così come frequente è la somministrazione di eventuali altre terapie per ripristinare le condizioni di salute generali dell’organismo. A volte si rendono necessari farmaci per contrastare il dolore, il prurito o per migliorare il sonno. Una volta passato l’episodio di psoriasi eritrodermica, solitamente la psoriasi torna a ripresentarsi come prima della crisi.

Come evitare un accesso di psoriasi eritrodermica

È importante sottolineare che, in caso si stia seguendo un trattamento sistemico, non è opportuno interrompere o gestire la terapia autonomamente, ma è necessario consultare lo specialista che sta monitorando la cura.
L’interruzione brusca di un trattamento rappresenta infatti un possibile fattore scatenante della psoriasi eritrodermica.
Altri trigger (fattori scatenanti) noti sono infezioni, l’utilizzo di alcuni farmaci, forti stress emotivi e l’abuso di alcol. È quindi fondamentale tenere sotto controllo questi aspetti.
In caso di comparsa dei sintomi di psoriasi eritrodermica è essenziale rivolgersi al più presto al proprio medico di riferimento e nel frattempo, mantenersi idratati per ripristinane i fluidi nel corpo.

  1. Luigi Naldi, Paola Pini, Giampiero Girolomoni, Gestione clinica della Psoriasi per il medico di medicina generale e lo specialista ambulatoriale, Pacini ed., 2016.
  2. G.F. Altomare, S. Chimenti, A. Giannetti, G. Girolomoni, T. Lotti, G.A. Vena, Psoriasi: Linee guida e raccomandazioni SIDeMaST , in: Linee guida e raccomandazioni SIDeMaST , Pacini ed., 2011. - pp. 29-56.


Cerca il CENTRO PSORIASI
più vicino a te

Alcune risposte le puoi avere anche subito al 800.949.209*

Il nostro numero verde è a disposizione del pubblico per aiutare a trovare il Centro Psoriasi più vicino a te e scoprire le informazioni pratiche necessarie per la tua visita (prenotazione, dove recarti, orari e documenti).

* Servizio attivo dal lunedì a venerdì,
dalle 9.00 alle 17.00 (escluso festivi).