Psoriasi sintomi iniziali: quali sono e come riconoscerli

Quali sono i sintomi principali della psoriasi?

La psoriasi è una patologia cronica multifattoriale che può presentarsi in forme estese e gravi, con possibile coinvolgimento di altri organi. È una patologia infiammatoria, immunomediata, ad andamento cronico recidivante. È caratterizzata da un’aumentata proliferazione epidermica e, ad un’osservazione esterna, si manifesta generalmente con placche eritematoso-squamose, di forma rotondeggiante o ovale, dai margini netti, localizzate principalmente sulle superfici di gomiti e ginocchia, nella regione lombosacrale, sul cuoio capelluto e nelle regioni palmo-plantari.
I sintomi della psoriasi possono variare da persona a persona in base alla gravità e al tipo.
Tuttavia segni comuni possono essere: macchie rosse, placche argentate e squamose, pelle secca che tende a rompersi e a sanguinare, prurito, dolore, bruciore alla pelle.
La maggior parte delle persone attraversa “cicli” di acutizzazione dei disturbi legati alla malattia, con l’intensificazione dei sintomi di durata variabile, seguita da un miglioramento. L’evoluzione è molto diversa da soggetto a soggetto.

Variabilità dei sintomi in funzione della gravità della psoriasi

Si possono osservare quadri clinici eterogenei: da un numero limitato di lesioni cutanee fino ad un interessamento generalizzato di tutta la superficie corporea.
Le lesioni possono essere associate a prurito e bruciore. Possono presentarsi in ogni area del corpo, spesso in modo simmetrico.

Variabilità dei sintomi in funzione del tipo di psoriasi1-3

È possibile identificare 6 sottotipi di psoriasi: a placche, guttata, inversa (o delle pieghe), pustolosa, eritrodermica e artropatica. Queste ultime 3 sono considerate le forme più gravi.
I segni e i disturbi si differenziano a seconda della tipologia di psoriasi.

Localizzazione della psoriasi

In funzione della localizzazione dei sintomi sulla pelle, la psoriasi può essere classificata come:

Nei bambini:

Nei bambini le forme più comuni sono la psoriasi inversa, quella guttata e la cosiddetta “napkin psoriasis”, con lesioni eritematose a bordi netti nell’area del pannolino. I segni clinici come l’eritema, le squame e l’infiltrazione sono meno intensi nella psoriasi infantile.
Spesso in infanzia e adolescenza compare la forma guttata, all’inizio in associazione con infezioni faringo-tonsillari, e può andare incontro a risoluzione spontanea o evolvere nella forma a placche.

Fattori che incidono sui sintomi:

Sono possibili dei peggioramenti nei mesi invernali e in seguito a stress psicologici, mentre nei mesi estivi, con l’esposizione al sole, sono frequenti miglioramenti consistenti.
Altri fattori esterni, oltre a quelli climatici, incidono negativamente sulla sintomatologia: il fumo di sigaretta, l’assunzione di alcol, alcuni farmaci, certi agenti infettivi, ecc.


  1. La Psoriasi: una patologia cutanea multiorgano. Nuovi paradigmi e strategie di tutela assistenziale (Report del Progetto PACTA), 2016.
  2. G.F. Altomare, S. Chimenti, A. Giannetti, G. Girolomoni, T. Lotti, G.A. Vena, Psoriasi: Linee guida e raccomandazioni SIDeMaST , in: Linee guida e raccomandazioni SIDeMaST , Pacini ed., 2011. - pp. 29-56.
  3. T. Shwayder, S. Benerjee, Netherton syndrome presenting as congenital psoriasis, Pediatr. Dermatol. 14: 473-76, 1997.
  4. D.G. Fortune, C.J. Main, T.M. O’Sullivan, et al., Quality of life in patients with psoriasis: the contribution of clinical variables and psoriasis specific stress, Br. J. Dermatol. 137: 755-760, 1997.


Cerca il CENTRO PSORIASI
più vicino a te

Alcune risposte le puoi avere anche subito al 800.949.209*

Il nostro numero verde è a disposizione del pubblico per aiutare a trovare il Centro Psoriasi più vicino a te e scoprire le informazioni pratiche necessarie per la tua visita (prenotazione, dove recarti, orari e documenti).

* Servizio attivo dal lunedì a venerdì,
dalle 9.00 alle 17.00 (escluso festivi).