Malattie infiammatorie croniche

La psoriasi è classificata come malattia infiammatoria immuno-mediata (IMID) della pelle. È stato riconosciuto che i pazienti affetti da differenti malattie infiammatorie immuno-mediate, inclusa la psoriasi, sono a più alto rischio di sviluppare comorbidità "sistemiche" come, ad esempio, malattie cardiovascolari (CVD), sindrome metabolica e diabete. Tutte queste patologie implicano processi immuno-mediati o infiammatori1. Prenderemo in considerazione possibili correlazioni tra l’infiammazione della pelle nella psoriasi e l’aumentato rischio di sviluppare patologie con una forte componente infiammatoria: obesità, insulino resistenza o diabete mellito, disturbi cardiovascolari, malattie infiammatorie intestinali.
Nelle lesioni cutanee della psoriasi sono coinvolte numerose sostanze infiammatorie e molte di queste sembrano essere rilasciate nella circolazione sistemica in funzione della gravità e dell'estensione delle lesioni stesse2. Di conseguenza, potrebbero contribuire all'aumento del rischio di infiammazione in altri organi o tessuti.
Gli aspetti metabolici dell'infiammazione cronica nella psoriasi hanno quindi il potenziale di influire su altre condizioni come obesità, diabete, trombosi e aterosclerosi. Per converso, molecole infiammatorie e ormoni prodotti in condizioni come l'obesità, il diabete e l'aterosclerosi possono influenzare la patogenesi della psoriasi promuovendo uno stato proinfiammatorio che aumenta la suscettibilità allo sviluppo della psoriasi o la gravità della patologia stessa1.

Psoriasi e obesità

Studi epidemiologici indicano che l'obesità porta ad un rischio più elevato di sviluppare la psoriasi e ad un peggioramento del decorso clinico della patologia.
Diversi studi hanno inoltre dimostrato che la perdita di peso può migliorare i sintomi della psoriasi e la risposta ai trattamenti1.
Qual è dunque il legame tra psoriasi e obesità? Proprio l’infiammazione.
Oltre a conservare l'energia, infatti, il tessuto adiposo è un organo endocrino attivo, che produce una serie di ormoni e  una varietà di sostanze proinfiammatorie: il tessuto adiposo viscerale è la sede patogenetica di molti dei disordini correlati all’obesità e l’eccesso di adiposità viscerale si associa ad uno stato flogistico (infiammazione) di basso grado. I livelli circolanti di questi fattori proinfiammatori aumentano con l’aumentare della massa adiposa, specie se addominale3. Inoltre, il tessuto adiposo è ora riconosciuto come parte del sistema immunitario1.

Insulino-resistenza e diabete mellito

Sembra che i mediatori dell'infiammazione possano essere coinvolti anche nello sviluppo della resistenza all'insulina: le citochine e le adipocitochine sono sempre più riconosciute come importanti regolatori sia della sensibilità all'insulina sia dell'infiammazione, e una disregolazione dei loro livelli e/o funzioni è stata dimostrata sia nell'obesità che in altre malattie infiammatorie, inclusa la psoriasi4. L'insulino-resistenza è riscontrata spesso negli adulti non obesi affetti da psoriasi. Inoltre, è stato dimostrato che la resistenza all'insulina è significativamente correlata con il punteggio PASI (Psoriasis Area Severity Index), parametro di valutazione della gravità della psoriasi5. Stati di iperinsulinemia, presenti ad esempio nell’obesità o nella sindrome metabolica, potrebbero favorire la suscettibilità alla psoriasi o esacerbare la psoriasi già esistente, promuovendo e facilitando l'infiammazione1.

Disturbi cardiovascolari

Alcuni dei processi infiammatori attivati nella pelle potrebbero raggiungere i tessuti bersaglio coinvolti nel rischio cardiovascolare.
Le sostanze rilasciate nella circolazione sistemica durante questi processi infiammatori possono alterare la funzione di epatociti e cellule vascolari, causare modificazioni nell’ateroma, con conseguente rischio di trombo, e nella fisiologia leucocitaria, aumentando quindi i fattori di rischio cardiovascolare o attivando processi patologici1.

Disturbi infiammatori dell’intestino

La psoriasi e lo spettro delle malattie infiammatorie croniche intestinali (in inglese "IBD": Inflammatory Bowel Disease), tra cui ad esempio il Morbo di Crohn (da non confondere con la sindrome del colon irritabile, una patologia meno aggressiva) e la colite ulcerosa, hanno in comune la cronicità ed il coinvolgimento di un importante stato infiammatorio. La risposta immunitaria alla base di psoriasi e IBD è simile. Il microbiota gioca un ruolo significativo: la pelle e l'intestino sono le due principali nicchie della flora dei microrganismi simbionti procarioti ed eucarioti nell'uomo. In questo caso quindi, le malattie infiammatorie coinvolgono principalmente la struttura e la funzione di pelle e intestino.
Le malattie infiammatorie intestinali sono caratterizzate da una perdita sostanziale di diversità delle specie di microrganismi nell'intestino e dal passaggio da un'innocua flora omeostatica multispecie a uno spettro più ristretto di specie microbiche proinfiammatorie e patogene. L'interrelazione tra  microbi e la patogenesi della psoriasi è attualmente oggetto di un'intensa indagine. Molti studi concordano sul fatto che un certo grado di disbiosi sia decisivo nella comparsa  delle lesioni cutanee e che la psoriasi può, almeno in parte, essere associata ad una sostanziale alterazione della composizione della microflora cutanea6-7.


  1. B.B. Davidovici, N. Sattar, P.C. Jorg, L. Puig, P. Emery, J.N. Barker, P. van de Kerkhof, M. Stahle, F.O. Nestle, G. Girolomoni and J.G. Krueger, Psoriasis and Systemic Inflammatory Diseases: Potential Mechanistic Links between Skin Disease and Co-Morbid Conditions, Journal of Investigative Dermatology (2010) 130, 1785–1796.
  2. Liu Y, Krueger JG, Bowcock AM, Psoriasis: genetic associations and immune system changes, Genes Immun, 2007, 8:1–12.
  3. G. Bittolo Bon, Il tessuto adiposo come organo multifunzionale, G Ital Cardiol 2008; 9 (Suppl 1-4): 23S-28S.
  4. Fantuzzi G,Adipose tissue, adipokines, and inflammation, J Allergy Clin Immunol, 2005 115:911–9.
  5. Boehncke S, Thaci D, Beschmann H, Psoriasis patients show signs of insulin resistance,  Br J Dermatol, 2007, 157:1249–51.
  6. Vlachos C, Gaitanis G, Katsanos K, Christodoulou D, Tsianos E, Bassukas I, Psoriasis and inflammatory bowel disease: links and risks, Psoriasis: Targets and Therapy, 20 July 2016 Volume 2016:6 Pages 73—92.
  7. Najarian DJ, Gottlieb AB, Connections between psoriasis and Crohn's disease, J Am Acad Dermatol. 2003 Jun;48(6):805-21.


Cerca il CENTRO PSORIASI
più vicino a te

Alcune risposte le puoi avere anche subito al 800.949.209*

Il nostro numero verde è a disposizione del pubblico per aiutare a trovare il Centro Psoriasi più vicino a te e scoprire le informazioni pratiche necessarie per la tua visita (prenotazione, dove recarti, orari e documenti).

* Servizio attivo dal lunedì a venerdì,
dalle 9.00 alle 17.00 (escluso festivi).